“Meg”

buy now
released: april 2004
length: 51:10

Meg

share on facebook

track list

01. olio su tela 4:09
02. simbiosi 4:38
03. puzzle 7:07
04. parole alate 4:22
05. sopravvivi 3:31
06. audioricordi 4:03
07. senza paura 4:26
08. invisible ink (is what i’ll use) 4:34
09. elementa 3:45
10. notte bianca 4:11
11. regno d’acqua 6:18

singles

simbiosi-cover

“Simbiosi”

released: september 2004

parole-alate-cover

“Parole alate”

released: february 2005

album credits

Words and music by Meg.
Except “Senza paura” written by V. de Moraes, Toquinho, S. Bardotti (BMG Ricordi Music Publishing).

Produced by Meg & Carlo U. Rossi.
Except “Regno d’acqua”: produced by Meg & Marco Messina & Carlo U. Rossi.
Recorded by Carlo U. Rossi @ Transeuropa Home.
Except “Regno d’acqua” and Meg chorus of “Notte bianca”: recorded by Marco Messina @ Folder studio.
Strings recorded by Carlo U. Rossi @ La suoneria, Settimo torinese.
Mixed by Carlo U. Rossi & Meg @ Transeuropa Home, except “Regno d’acqua”: mixed by Marco Messina @ Folder studio, Napoli.
Mastered @ The Exchange by Nilesh Patel, London.
Orchestra “Architorti”:
violins: Federica Birbicci, Elena Gallafrio, Gian Mario Mari, Laura Marino, Marina Martinova, Efix Puleo, Chiara Spagnolo, Leonora Stangalini, Magdalena Vasilescu.
Violas: Tamara Bairo, Maurizio Redegoso, Elena Saccomandi.
Cellos: Claude Frochaux, Marco Robino, Walter Turicchi.

Artwork: John Pham, Los Angeles.
Photography: Chiara Caputi, Napoli.
Visual project coordinator: Lorenzo “the Freshguy” Franchini. Rome.

Executive production: Alessandra Brizzi.
Management: Carlo Pontesilli.
Music publishing BLULUZ s.r.l. Multiformis is a trademark of Bluluz s.r.l.

lyrics

Olio su tela

(Maria Di Donna)

Braccia dei campi
rughe al sole
muscoli tesi
mente altrove

Altrove
dove
risiedono
speranze
impacchettate
con fili d’oro
d’oro come il grano

Se nel destino
qualcosa c’é di scritto
é soltanto
il canovaccio
se su questa terra
qualcosa c’é di definito
é sicuramente
il solco dell’aratro

Braccia dei campi
rughe al sole
muscoli tesi
mente altrove

Altrove
dove
riposano
speranze
belle come figlie
senza dote
che vogliono partire
studiare
lasciare per sempre
il proprio cuore
in quella terra fatta di
lacrime e sole
e risparmi
e sudore
e raccolti
in trepidazione

Braccia dei campi
rughe al sole
muscoli tesi
mente altrove

drums programming: Meg & Carlo U. Rossi
bass line: Meg
clavia, kalimba, piano: Meg
cicale recorded by Carlo U. Rossi in Maiton (Thailand)
strings composed & arranged by Meg & Carlo U. Rossi, orchestrated and conducted by Fabio Gurian
violins: Efix Puleo, Elena Gallafrio
viola: Elena Saccomandi
cello: Marco Robino

 

Simbiosi

(Maria Di Donna)

Sogno o realta’
Dimmi di che materia e’ fatta questa vita
Senza l’uno l’altra m’immagino sarebbe
Come un tunnel senza uscita
Come i magi senza la cometa
Come ulisse senza la sua curiosita’
Come un piano che nessuno suonera’

Sognando ad occhi aperti vedo il mondo che vorrei
Racchiuso in un sorriso di chi non sorride mai
Se non provi a spostare l’orizzonte un po’ piu’ in la’
I sogni non coincideranno mai con la realta’

Disegno la realta’
Come fossi il genio della lampada
Mille e una possibilita’
Aspettano solo che io schiocchi le dita
E che avvenga la simbiosi magica

Sognando ad occhi aperti vedo il mondo che vorrei
Racchiuso in un sorriso di chi non sorride mai
Se non provi a spostare l’orizzonte un po’ piu’ in la’
I sogni non coincideranno mai con la realta’

Un pensiero improvviso m’illumina
Come una lanterna
Non so come si sia acceso
Ma un motivo di sicuro ci sara’
Mi dico che devo tenere
I piedi ben piantati a terra
Per far radicare desideri
Che nessuno mai nessuno estirpera’

Sognando ad occhi aperti vedo il mondo che vorrei
Racchiuso in un sorriso di chi non sorride mai
Se non provi a spostare l’orizzonte un po’ piu’ in la’
I sogni non coincideranno mai con la realta’

hand cymbals, log drum and timpani programming, double bass line, piano: Meg
hand drum programming: Carlo U. Rossi
harp programming: Meg e Carlo U. Rossi
oboe, flugelhorn, clarinet, flute: composed by Meg
strings composed by Meg, arranged by Meg and Carlo U. Rossi, orchestrated and conducted by Fabio Gurian
strings: Orchestra Architorti

 

Puzzle

(Maria Di Donna)

Pian piano il puzzle si ricompone
lenta cammino testa per aria
ad ogni pezzo la sua posizione
è una mattina straordinaria

aria
sottile
limpida
fresca
come una doccia sensoriale

Dal porto la nave a se’ mi chiama
voce sensuale come una sirena
magnete sonoro da non ascoltare
non posso partire non devo scappare

no no no
ma…ma come?!
Non avevi detto…
Che tutto era tornato a posto?!

Magico
momento
estatico
Frantumato da una distrazione
sensoriale

Dall’alto il golfo a forma di cuore
ammiro rapita la mia città natale
qui il paradosso è cosa normale
le vene e le arterie stanno per scoppiare

Maria…
…capisci?
smettila!
riprenditi…!
Cerca di essere razionale!

…Non posso!
ci provo ma…
mi gira la testa!
ho i brividi a palla!
…e’ assurda la bellezza
di questo folle posto…
meridionale…!

Magico vortice
claustrofobico
lisergico
incomprensibile
sentire
bipolare
Contemporaneamente io vorrei
partire e restare!
Dev’esserci sotto una mia
disfunzione sensoriale!
…ed ecco che il puzzle…
si riscomponeeeeee!!!!

drums programming: Meg & Carlo U. Rossi
bass line: Meg
absynth & crystal synth programming: Meg
keyboards: Meg & Carlo U. Rossi
horns composed by Meg, arranged by Carlo U. Rossi & Meg, orchestrated by Fabio Gurian
trumpet: Luca Calabrese
tenor sax: Luca Biggio
trombone: Giorgio Giovannini
tuba: Claudio Broglio

 

Parole alate

(Maria Di Donna)

parole dolci
parole complicate
parole semplici
parole alate
parole inutili
parole piu’ affilate di una lama
parole fresche
parole come gocce di rugiada

parole che un cuore possono spezzare
parole che ti fanno sanguinare
parole che possono incendiare
gli animi di una rivoluzione

parole uniche
parole che in un lampo a te conducono
parole fragili
parole che poi puntano e distruggono
parole stupide
parole che non sanno dove andare
parole acqatiche
che il mare azzurro sanno attraversare

parole che un cuore possono spezzare
parole che ti fanno sanguinare
parole che possono cambiare
quello che sembrerebbe immutabile

parole magiche
parola mia d’onore
le piu’ struggenti
parole d’amore
parole al vento
parole che si perdono nel tempo
parole date
e gia’ dimenticate

parole che un cuore possono spezzare
parole che sembrano mai bastare
parole che possono cambiare
quello che sembrerebbe immutabile
parole che un cuore possono spezzare
parole che ti fanno sanguinare
parole che possono incendiare
gli animi di una rivoluzione
parole che possono cambiare
quello che sembrerebbe immutabile

drums programming, ripped paper: Meg & Carlo U. Rossi
bass line, keyboards: Meg
guitar 1: Meg
guitar 2: Carlo U. rossi
guitar effect: Marco Messina

Sopravvivi

(Maria Di Donna)

Sopravvivi
Senza scegliere mai

Dormi
Senza sognare mai

Guardi
Senza mai vedere

Mangi
Senza mai gustare

drums programming: Meg & Carlo U. Rossi.
bass line, virtual synths, electroglitch, wurlitzer, clavia, synth strings: Meg
guitar, jupiter, mass noize: Carlo U. Rossi

 

Audioricordi

(Maria Di Donna)

Non piu’ le stelle
dei tuoi occhi tornero’ a vedere
Forse in un sogno
di notte mentre non dormo
Forse di giorno
tra un pensiero e un altro
Non piu’ le stelle
del mio cuore tornero’ a baciare

Non piu’ le note
della voce tua mi accarezzeranno
Audioricordi
me la riporteranno
Quanto vorrei
poter dimenticare
Ma la memoria del mio cuore
non si puo’asportare

Mai piu’
il tuo amore saro’
il tuo nome diro’
Lo pronuncero’
piano
tra la terra e il cielo
Mai piu’
il tuo amore saro’
il tuo nome diro’
Lo pronuncero’
piano
quando soffia il vento

hand drum programming: Meg & Carlo U. Rossi.
tip tap dei nani, glitch programming, wurlitzer, keyboards, clavietta (diamonica): Meg
additional glitch programming, dep 5: Marco Messina
strings composed by Meg, arranged by Meg & Carlo U. Rossi, orchestrated & conducted by Fabio Gurian
strings: Architorti Orchestra

 

Senza Paura

( V. de Moraes, toquinho, S. Bardotti)

Ma come fai quando sei bambino
a prendere coraggio e fede nel destino
se papa’ ti mette per castigo al buio
poi di notte a letto “zitto che c’e’ il lupo
zitto che c’e’ il lupo zitto ch c’e’ il lupo”
E la mamma dice “chiamo l’uomo nero
chiamo il babau ti mangia tutto intero
nella notte scura ti fa la puntura
ti fa la puntura ti fa la puntura”

ma passa per il buio senza paura (X3)

Poi all’improvviso ti arriva l’eta’
di amare follemente l’uomo che non va
non c’e’ via d’uscita ne’ di qua ne’ di la’
tuo padre gridera’ tua madre preghera’
tua madre preghera’ tua madre preghera’
l’amante poi si butta giu’ dal fabbricato
perche’ quello che e’ facile diventa complicato
dato che la vita e’ dura che la vita e’ dura
che la vita e’ dura

ma passa per l’amore senza paura (X3)

Il pericolo c’e’ e fa parte del gioco
tu non farci caso se no vivi poco
tieni sempre duro comincia di nuovo
comincia di nuovo comincia di nuovo
anche per la strada tu stai rischiando
stai soprappensiero stai rimuginando
passa la vettura della spazzatura
ed il conducente aumenta l’andatura
aumenta l’andatura aumenta l’andatura

ma va per la tua strada senza paura (X3)

ed un bel giorno di qualunque settimana
ed un bel giorno di qualunque settimana
battono alla porta battono alla porta
e’ un telegramma lei ti sta chiamando
le’ un telegramma lei ti sta chiamando
Per uno viene presto per l’altro tardi
comunque presto o tardi tranquilla e sicura
viene senza avviso viene e ti cattura
viene e ti cattura viene e ti cattura

ma va passa per la morte senza paura(X3)
buio
amore
per la tua via
per la morte

backing vocals, choir: Elio
drums: Christian Meyer
rim shot, spazzole, clave, bongos, cowbell: Valerio Di Donna
caneco, caxixi, ganza’, zabumba, pandeiro, triangolo, congas: Gilson Silvera
bass: Faso
guitar & cavaquinho: Roberto Taufik
trumpet: Luca Calabrese
trombone: Giorgio Giovannini

 

Invisible Ink (is what I’ll use)

(Maria Di Donna)

Invisible ink is what I’ll use
to write my name on your heart
without (you) speaking I can read you
as a child reads a book
pages and pages and pages
won’t soothe the hunger though

words are air but your voice stays
words are air but your voice stays

surprising adventures and marvellous skies
your unspoken tale reveals to me
new perspectives new angles the landscape puts on
as your silent tale goes on and on
pages and pages and pages
won’t soothe the hunger though

words are air but your voice stays
words are air but your voice stays

talk to me
with your eyes only
eyes of emerald
of crystal is your glance
limpid and obscure
as the simplest deepest secret
uncomprehensible mistery
clear as lunar light
your voice shines
in the sharp air
and the view changes again
again and again and again…

drums: Ninja
double bass: Stefano Risso
vibraphone: Daniele Di Gregorio
snaps: Meg

 

Elementa

(Maria Di Donna)

sono fatta di terra e di pietre di erba di alberi e corsi d’acqua
sono fatta di fango di cielo di nuvole e vento
sono fatta di zolle e radici di sabbia di paglia e di fichi d’india
sono fatta di aghi di pino di asfalto e di pece

sono fatta di buio e luce

sola me ne sto
ancora per un po’
prima di svelarti tutto
sola me ne sto
ancora per un po’
prima di affrontare
questo lungo viaggio

sono fatta di strani disegni che fanno al tramonto le rondini
sono fatta di vicoli scuri di plastica e carta
sono fatta di aspre montagne di campi arati e salsedine
sono fatta di spine di agavi puzza di bruciato e di iodio

sono fatta d’amore e odio

sola me ne sto
ancora per un po’
prima di svelarti tutto
sola me ne sto
ancora per un po’
prima di affrontare
questo lungo viaggio

sono fatta di antichi silenzi che a sera diventano canti
sono fatta di luce di candele di pane di burro e di miele
sono fatta di suoni di passi di voci che si fanno pianti
sono fatta di corse d’estate di risa e ginocchia sbucciate

sola me ne sto
ancora per un po’
prima di svelarti tutto
sola me ne sto
ancora per un po’
prima di affrontare
questo lungo viaggio

drums programming: Meg & Carlo U. Rossi
ride, virtual synths programming: Meg
heartbeat: Meg’s own (recorded by doctor Nicolino Esposito)
strings composed by Meg, arranged by Meg & Carlo U. Rossi, orchestrated & conducted by Fabio Gurian
strings: Architorti Orchestra

 

Notte bianca

(Maria Di Donna)

Sfera di bianca pietra
sospesa resti
notturna e silenziosa
incantesimo sei
della magia piu’ pura e millenaria
di tempo e spazio sei signora
scultrice di desideri stellati
poetessa di sogni irrealizzati

Bianco occhio del cielo
di notte brilli
di luce argento e oro
goccia di miele tu sei
la terapia per chi mai si riposa
di gioie e affanni sai ogni cosa
conosci tutti gli umani segreti
alcova di tutti gli innamorati

Umana dea
dolce empatia
lacrima sibillina
sorriso di gatto nel blu
illumini di latte il mio cammino
sorella sei tu

drums programming: Meg, Marco Messina & Carlo U. Rossi
noizes : Marco Messina
bass line, keyboards, wurlitzer: Meg
strings composed by Meg, arranged by Meg & Carlo U. Rossi, Orchestrated & conducted by Fabio Gurian
strings: Architorti Orchestra

 

Regno d’acqua

(Maria Di Donna)

sabbia d’oro tra i capelli
acqua seta tra i coralli
alghe intorno alle caviglie
piu’ preziose delle perle

naturale paradiso
si rifrange sul mio viso
fra gli scogli e le conchiglie
acqua mia seconda pelle

il mio nome appartiene al mare
e del mare la mia vita è

di una barca i suoi frammenti
son memorie galleggianti
riportate fino a riva
epitaffio di una storia

ecco un gruppo di gabbiani
guarda e ride degli umani
mentre nutro i miei neuroni
di calore e di colori

il mio nome appartiene al mare
e del mare la mia vita è

qui tra i ricci e le meduse
e creature misteriose
io divento una sirena
coda azzurra e chioma scura

superfici iridescenti
i tuoi occhi son diamanti
un tesoro degli abissi
li’ lo vidi e li’ mi persi

il mio nome appartiene al mare
e del mare la mia vita è

stones, drops, footsteps in the sand, seawaves: edited, programmed and recorded by Meg & Marco Messina in Antiparos (Greece)
Meg’s snaps editing & programming: Meg & Marco Messina
bass line, clavia: Meg
profondita’ marine efx: Marco Messina